One Piece: tre battaglie epiche accadute prima delle avventure di Rufy

One Piece: tre battaglie epiche accadute prima delle avventure di Rufy
di

One Piece non ha solo il sapore dell'epopea, ma i linguaggi su cui Oda ha fondato la mitologia del manga passano proprio dalle strutture formulari delle narrazioni epiche. E in continuità con i suoi riferimenti culturali, l'opera ha codificato il suo universo per mezzo di battaglie leggendarie, avvenute ancor prima che iniziasse la storia di Rufy.

Ciò che permette al mangaka di infondere un respiro storiografico al racconto, oltre alla sua attitudine a modellare le ambientazioni di One Piece dai luoghi reali, è proprio la propensione dell'autore alla mitopoiesi, la capacità cioè di creare i miti su cui si fonda l'universo del manga attraverso la costruzione di un mondo tanto esteso (sia in termini narrativi che geografici) quanto coerente. E per rendere credibili e drammaturgicamente incisivi gli eventi della narrazione, occorre prima stagliare gli intrecci su un sfondo “storico” in modo che assumano rilevanza proprio perché si pongono in continuità con i “fatti” del passato, ripetendone magari il corso – visibile, ad esempio nella sovrapposizione delle traiettorie di Roger con quelle di Rufy – e lo spessore. Ma in un'opera come One Piece, la mitologia che risiede alla base delle sue fondamenta non può che svilupparsi a partire dagli scontri che hanno determinato i rapporti di forza nei mari: di cui le tre battaglie che andremo qui ad illustrare rappresentano il manifesto assoluto.

Quando si parla del manga di Eiichiro Oda, e dei trascorsi che ne hanno contraddistinto l'universo, appare corretto – se non addirittura necessario – iniziare il discorso con un focus sul primo (e per adesso, unico) Re dei Pirati, e del suo avversario/amico naturale, cioè Edward Newgate. Se il rapporto tra Roger e Barbabianca ha fondato in One Piece il mito della pirateria, il motivo è da ritrovare nei (numerosi) confronti che li hanno visti opporsi l'uno con l'altro, generando un richiamo ed una risonanza talmente elevate da cambiare per sempre i rapporti tra fuorilegge e istituzioni, e le concezioni stesse di cui i pirati si sarebbero da quel momento in poi caricati nell'immaginario collettivo degli abitanti di One Piece. E senza l'ultima, immortale battaglia che li ha visti confrontarsi per ben tre giorni, per poi culminare in un pareggio (forse anche a causa delle condizioni di salute di Roger) probabilmente il mondo della pirateria sarebbe stato privato della materia stessa su cui i fuorilegge del mare costruiscono le loro leggende.

Il secondo scontro dal grande valore “simbolico” è quello tra Oden e Kaido. Seppur la schermaglia tra i due non sia certamente equiparabile in termini epici al confronto su God Valley tra i Pirati Rocks e il duo Roger-Garp, è pur vero che la battaglia tra il samurai e l'Imperatore si connota di tutti i canoni della leggenda. D'altronde la disparità di forze tra i due schieramenti ricorda – forse anche volutamente – il combattimento tra Davide e Golia, seppur l'esito, in questo caso, si sia poi rivelato brutalmente diverso. Ma è chiaro che il coraggio con cui i nove foderi rossi hanno affrontato un'armata di circa 11000 uomini, riuscendo anche a sfiorare la gloria se solo il pirata non si fosse servito di un esecrabile escamotage, esalta tale confronto ad un livello di epicità che trascende la rilevanza “culturale” di battaglie omologhe. E non è un caso, infatti, che molti siano addirittura arrivati a ritenere che Oden sia più forte in One Piece di Kaido, per come sono rimasti estasiati dalla tempra morale dell'iconico eroe.

Su una linea di pensiero altrettanto simbolica si posiziona la terza battaglia qui selezionata. Perché il confronto tra Shanks e Barbanera, nonostante non sia stato indagato in profondità dall'autore, pone in relazione le due figure – oltre ovviamente a Rufy – che eserciteranno un'influenza assoluta sugli intrecci futuri della saga finale del manga. Inoltre, per quanto non si conosca né l'esito della battaglia né tanto meno quanto sia durata o perché sia avvenuta, è chiaro che un confronto di questo tipo, nel momento in cui sarà reiterato (forse già su Elbaf?) nella narrazione corrente di One Piece, costituisca un precedente dall'indubbia valenza simbolica: sia per la Storia (quella con la S maiuscola) del manga, sia in riferimento ai rapporti di forza su cui si modellerà l'immagine futura del Nuovo Mondo.

FONTE: gamerant

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi