One-Punch Man 166: il capitolo più sanguinario e crudele per Saitama

One-Punch Man 166: il capitolo più sanguinario e crudele per Saitama
di

One-Punch Man è arrivato a un momento clou del manga. Yusuke Murata sta preparando capitoli spettacolari sotto il punto di vista narrativo e soprattutto artistico negli ultimi mesi grazie allo scontro tra Garou e Saitama. Se il pelato col mantello si sta trattenendo ancora, il mostruoso umano invece vuole raggiungere vette più alte.

Ed è riuscito a farlo grazie all'intervento di Dio di One-Punch Man, con il quale è diventato il male assoluto. Dopo aver spazzato via Saitama, inizia in One-Punch Man 166 con un nuovo incontro col maestro Bang. Ma sul campo di battaglia arriva pure Blast che aveva avvertito l'intrusione di Dio e decide così di affrontare Garou, ormai ritenuto troppo oltre per essere recuperato. L'eroe numero 1 inizia uno scontro con il cattivo, ma anche così Garou sembra troppo forte.

Deciso a raggiungere vette ancora più elevate, Garou approfitta dell'intervento di Genos che si getta a capofitto su di lui per fermarlo. In una splendida doppia tavola, lo afferra e lo trafigge estraendogli il nucleo. Un mare di sangue piove dal cielo che bagna anche Saitama, arrivato lì con uno sguardo strabiliato per vedere il suo amico ridotto a pezzi.

La rabbia di Saitama esplode in un pugno serio killer che però viene replicato da Garou. I due pugni si stanno per scontrare terminando il capitolo di One-Punch Man 166 mentre Blast avverte che la Terra è in pericolo.

Quanto è interessante?
4