One-Punch Man 196: la rivelazione scioccante di Blast

One-Punch Man 196: la rivelazione scioccante di Blast
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Siamo tornati con l'appuntamento bisettimanale di One-Punch Man. Nello scorso capitolo del manga, abbiamo visto Saitama e Flashy Flash chiedere al potente eroe di Classe-S Blast delle informazioni in più circa una potente minaccia. Attenzione, perché nel prossimo paragrafo ci saranno numerosi spoiler.

Con il capitolo 196 di One Punch Man siamo tornati esattamente dove lo scorso numero ci aveva lasciati. Flashy Flash sa bene che Blast possiede maggiori informazioni sul legame con “dio” e il villaggio dei ninja in cui è cresciuto. Per questo motivo, incalza l'eroe per fargli rivelare tutti i dettagli di cui è a conoscenza.

"Sei tu che hai distrutto il Villaggio Ninja, giusto?" afferma Flashy Flash, sotto lo stupore di Saitama e tutti i presenti. Blast non può fare altro che confermare, ma si domanda come mai sia riuscito a scoprire questi dettagli solo adesso.

Flashy Flash racconta che il Villaggio Ninja è un luogo per addestrare giovani assassini, inaccessibile alle persone ordinarie per via di una barriera. Nove anni prima, esattamente quando il giovane eroe abbandonò la sua città natale, il villaggio venne raso al suolo da qualcuno. Alla fine, collegando tutti i punti, riuscì a comprendere che Blast aveva avuto un ruolo non indifferente in quell'evento.

Secondo il racconto Blast, egli possiede uno stretto legame con "quell'uomo", il fondatore del Villaggio Ninja, il cui vero nome prima di diventare un mostro era Empty Void. Secondo l'eroe di Classe-S, Empty Void è l'unico in grado di aprire il "varco delle cave celesti", dove regna "dio". L'obiettivo di Blast era cercare un modo di rendere il suo ex amico di nuovo umano.

Infine, il capitolo si conclude con un'enigmatica lettera di Sonic, che conferma che "quell'uomo" si è risvegliato. Per questo motivo, Flashy Flash si reca da Speed-o'-Sound Sonic, per maggiori informazioni: tuttavia, sembra che questo ninja sia diventato schiavo di "quell'uomo".