One Punch Man 2: l'ultima puntata ci mostra la vera natura di Garo

One Punch Man 2: l'ultima puntata ci mostra la vera natura di Garo
di

Oltre a concludere la seconda stagione, l'episodio 12 di One-Punch Man ci svela di più riguardo alle intenzioni di Garo e del suo passato, segnato da episodi di bullismo che hanno deviato i suoi ideali e posto le fondamenta per il personaggio che è ora.

Garo fin dall'inizio della stagione è sempre stato un villain atipico. Il suo obiettivo era quello di sfidare gli eroi più forti in circolazione per legittimare le sue capacità traendone divertimento, senza essere però un assassino vero e proprio.

Il suo istinto combattivo e di vendetta si placa sensibilmente quando viene a contatto con un bambino, il che ci fa capire come l'antagonista non sia totalmente dominato dalla malvagità, ma piuttosto conservi un dualismo caratteriale davvero particolare. Nonostante ci fosse stata mostrato un flashback - ad inizio serie - in cui si intuiva che Garo avesse un debole per gli esseri misteriosi, la situazione non era ancora del tutto chiara.

Le sue motivazioni erano piuttosto deboli per giustificare un comportamento tanto aggressivo, e finalmente l'ultima puntata sviluppa in modo migliore le sue origini.

Attraverso un altro flashback veniamo a sapere come i suoi ideali anarchici siano stati generati dagli atti di bullismo subiti in giovane età, con il piccolo Garo che cercò di chiedere aiuto per denunciare questi atteggiamenti ma a causa della sua impopolarità non venne creduto. Il risultato di queste esperienze si riflette nel suo dipinto caratteriale, che appare distorto e scevro da ogni etica morale.

Garo confonde il bene e il male sfumandoli tra di loro e questo porta inevitabilmente ad un'inclinazione anarchica. Speriamo che nella terza stagione il personaggio raggiunga uno sviluppo ancora maggiore, quando presumibilmente la vicenda degli esseri misteriosi esploderà del tutto.

A questo link potete leggere la recensione della seconda stagione. L'anime ne riceverà una terza?

FONTE: CB
Quanto è interessante?
1