Netflix

ONI è la nuova serie Netflix incentrata sulla mitologia giapponese

ONI è la nuova serie Netflix incentrata sulla mitologia giapponese
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Netflix in breve tempo è riuscita a diventare un punto di riferimento per tutti gli appassionati di Serie TV, in primo luogo, e film poi. Ultimamente, grazie all'inserimento nel suo catalogo di moltissimi anime, alcuni dei quali anche originali, ha fatto sì che molti appassionati iniziassero a usufruire della piattaforma.

Proprio in merito a ciò, sappiamo come Netflix non sia nuova a collaborazioni interessanti, che poi sfociano in prodotti di livello. Bene, è stata diffusa la notizia di un rapporto avviato con Tonko House per la realizzazione di una serie animata incentrata sulla mitologia giapponese, la stessa che fa da sfondo, se non a tutte, alla maggior parte dei prodotti manga e anime che arrivano dal paese del sol levante. Da tener conto che, lo studio di animazione in questione, è rinomato per essere stato candidato agli Oscar con The Dam Keeper.

La serie avrà il nome di ONI e sarà un opera in cui la mitologia farà da sfondo con dèi, demoni e personaggi mitologici Giapponesi (come appunto gli oni), intrecciandosi a piene mani con l'avventura della protagonista: Onari. Questa viene descritta come un personaggio forte e dallo spirito libero. Intenzionata a seguire le orme dei potenti eroi, il suo obiettivo non sarà facile da raggiungere in quanto sprovvista di veri e propri poteri su cui può fare affidamento.

Secondo alcune voci lo stile d'animazione della serie sarà un insieme di computer grafica e stop-motion. Nello staff compare come art director Daisuke “Dice” Tsutsumi, figura di spessore che ha già lavorato come regista a diversi film d'animazione della Pixar. Realizzando, tra le altre cose, lungometraggi del calibro di: L’era glaciale, Robots, Ortone e il mondo dei Chi, Toy Story 3 e Monsters University, oltre ad essersi occupato della serie The Dam Keeper che gli è valsa una candidatura agli Oscar.

Alla produzione vedremo Megan Bartel e Robert Kondo, Kane Lee e Zen Miyake di Tonko House, affiancati da The Dwarf Studios, già conoscenza di Netflix in quanto ha realizzato la serie in stop-motion Rilakkuma e Kaoru, e dallo studio Megalis VFX, scelto per occuparsi degli effetti in CGI.

«Ho costruito tutta la mia carriere nell'industria d'animazione americana» dice Tsutsumi parlando della nuova serie ONI. «Una parte di me si è sempre chiesta se ci sarebbe stato mai spazio, nelle storie che raccontavo, per l’altra mia metà, quella di nativo giapponese. Questa collaborazione di Tonko House con Netflix è un’occasione rara e unica che devo lasciarmi sfuggire per poter avere l'opportunità di condividere col mondo il mio background folkloristico. Voglio far conoscere al pubblico le meravigliose storie con le quali sono cresciuto. Una in particolare, credo sia perfetta per la società nella quale viviamo oggi giorno.»

Anche Aram Yocoubian, direttore di Netflix Original Animation, si è rivelato entusiasta della collaborazione avviata e della serie in questione.

«Tsutsumi è un rinomato filmmaker. Ha una profondissima passione per la celebrazione della cultura giapponese e siamo onorati di supportare questo suo arrivo nel mondo della serie animate insieme al suo team di Tonko House» ha detto Yocoubian. «Ci siamo tutti quanti innamorati di Onari e della particolare mitologia giapponese costruita attorno a lei. Siamo convinti che la sua storia e il suo percorso alla scoperta di sé, appassioneranno anche il pubblico di tutto il mondo.»

E voi cosa ne pensate di questa nuova serie animata Netflix sulla mitologia giapponese? Fatecelo sapere nei commenti.

Compagnie come Netflix hanno aiutato il mercato dell'animazione?

Neon Genesis Evangelion sarà ridoppiato? Secondo Fabrizio Mazzotta sì.

Quanto è interessante?
3