Perché la produzione degli anime è stata sospesa? Facciamo chiarezza

Perché la produzione degli anime è stata sospesa? Facciamo chiarezza
di

In seguito allo stop delle registrazioni vocali vagliato da Crunchyroll, HIDIVE e Funanimation, a causa degli ordini restrittivi imposti dagli Stati Uniti, non c'è voluto molto prima che il Giappone adattasse le stesse misure sospendendo alcuni degli anime più in voga.

Uno dei principali motivi di questa sospensione riguarda l'impossibilità di effettuare le registrazioni vocali. In Giappone, come anche in America, la fase di registrazione viene effettuata nelle fasi successive della produzione di una serie, al completamento della key animation.

Tuttavia, l'assenza dei doppiatori è un tassello fondamentale per la conclusione dell'opera. Mentre nelle produzioni occidentali come i Simpson o i film Disney, i doppiatori sono soliti lavorare individualmente, in Giappone il lavoro vocale viene svolto in collettività all'interno di studi molto piccoli - che al momento non rappresentano più un'opzione praticabile.

Lo scorso 7 Aprile, il primo ministro Shinzo Abe ha annunciato uno stato d'emergenza in Giappone per ben 7 prefetture, tra cui Tokyo, per poi estendere tale dichiarazione all'intero paese. Gli ordini consistono nell'evitare le "3C": spazi chiusi, luoghi affollati e stretti contatti, nonché limitare gli spostamenti nelle aree principali di almeno l'80 %.

I doppiatori in Giappone sono costretti a infrangere queste disposizioni con il semplice atto di andare a lavoro e svolgere i propri compiti; da qui il motivo cardine dell'interruzione delle sessioni di registrazione.

Da Beastars a Shield Hero, numerosi nuovi eventi teatrali sono stati cancellati. Continuano i danni da Coronavirus, crollo del 90% al box office giapponese.

Quanto è interessante?
1