Planeta DeAgostini: tutto quello che c' è da sapere su Freccia Verde e Black Canary - parte prima

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Anche questo mese la casa editrice Planeta DeAgostini prende in esame dei titoli della' Universo DC e ne analizza tutti i dettagli. Questa volta, tocca a Freccia Verde e Black Canary. In questa prima parte fari puntati sui protagonisti e sui loro poteri.

Conosci l'Universo DC: Freccia Verde e Black Canary (parte 1 di 2)

L'Arciere di Smeraldo

Oliver Queen era un erede multimilionario; conduceva una vita agiata e aveva un unico idolo: il Robin Hood interpretato da Errol Flynn. Da piccolo, i suoi genitori gli offrirono un'opportunità unica, facendogli prendere lezioni private di tiro con l'arco da Howard Hill, la controfigura di Flynn nelle scene d'azione. Una volta adulto, Oliver comprò l'arco usato dal suo idolo nei vari film e lo mise fra i suoi bagagli quando partì per una crociera. Oliver non poteva immaginare che quella decisione avrebbe cambiato per sempre la sua vita. Nel corso di quella crociera, Queen scoprì che il suo amico e impiegato, Hackett, aveva concepito un piano per impossessarsi di tutte le sue ricchezze. Durante una furibonda discussione, Hackett tramortì Oliver e, incapace di ucciderlo, decise di gettarlo in mare. Lo sfortunato milionario venne trasportato dalla corrente su un'isola deserta e proprio qui sviluppò un'incredibile destrezza nell'uso dell'arco che lo aiutò a sopravvivere. Oliver dovette fare fronte non solo alle dure prove cui lo sottopose la natura, ma anche a un gruppo di narcotrafficanti affiliati a Hackett che si servivano di quel luogo come campo per le coltivazioni. Queen strinse amicizia con una donna incinta che lavorava come schiva per i narcos e, una volta sbarazzatosi dei criminali, ritornò a Star City. Qui indossò i panni del giustiziere mascherato che i giornali della città soprannominarono Freccia Verde.

Nei suoi primi anni come supereroe di Star City, Oliver ha vissuto una serie di divertenti avventure quasi sempre in compagnia del suo giovane aiutante, un ragazzo di nome Speedy che Queen aveva adottato come suo pupillo. In quel periodo, Oliver cominciò a finanziare segretamente la Lega della Giustizia d'America originale attraverso la sua azienda. In un secondo momento, Freccia Verde entrò ufficialmente a fare parte del gruppo di supereroi. Nonostante le sue immense ricchezze, la condizione di agiatezza nella quale viveva finì molto presto. A seguito di un viaggio in Vietnam (dove vide in prima persona gli effetti delle armi che lui stesso produceva), Oliver decise di vendere la sua azienda e donare tutto il ricavato a un'organizzazione umanitaria. Animato da una nuova e forte coscienza sociale, intraprese un viaggio attraverso gli Stati Uniti insieme al suo amico Hal Jordan, la Lanterna Verde della Terra. I due personaggi erano intimi amici, ma avevano idee politiche pressoché divergenti. A quel viaggio partecipò, di tanto in tanto, anche Black Canary, un membro della JLA di cui Ollie si era perdutamente innamorato. La presenza di Dinah fu di importanza vitale per Oliver quando il nostro eroe dovette affrontare un gravissimo problema: la tossicodipendenza di Speedy.

Di ritorno da quel viaggio, Freccia Verde uccise accidentalmente un uomo durante uno scontro in un vicolo. Sconvolto dall'accaduto, l'eroe decise di ritirarsi in un monastero. In seguito, Ollie abbandonò la JLA, ma non Dinah, con la quale si trasferì a Seattle e aprì un negozio di fiori: "Sherwood". Il periodo che la coppia visse in quella città alterò il rapporto tra Ollie e la sua compagna. Dinah non si era ancora ripresa del tutto dalle ferite, fisiche e non, che le avevano inferto alcuni trafficanti di droga e la scoperta che Oliver la tradiva non l'aiutò affatto: una volta appurato che Ollie aveva una relazione con un'impiegata del negozio e che aveva avuto un figlio con l'assassina giapponese Shado, Dinah lo abbandonò.

In seguito, Freccia Verde scoprì di avere un altro figlio, nato da una relazione ormai conclusasi da anni. Fu proprio il figlio di Oliver, Connor Hawke, a prendere il posto del padre (che aveva conosciuto da pochissimo) quando questi morì nel tentativo di salvare la città di Metropolis da alcuni ecoterrorista chiamati Eden Corps. Per fortuna, Oliver Queen tornò in vita grazie all'intervento di Hal Jordan. Questi, divenuto l'ospite dell'incarnazione cosmica Parallax, resuscitò il corpo di Oliver e gli rese i ricordi precedenti all'omicidio commesso nel vicolo, episodio che aveva segnato l'inizio della sua disfatta. L'anima dell'arciere caduto si rifiutò di tornare a vivere quell'esistenza che lui stesso aveva contribuito a mandare in rovina, ma non indugiò oltre, quando vide che Connor stava correndo un pericolo mortale.

Di nuovo vivo e vegeto, Ollie ritornò a Star City, confessò il proprio amore a Dinah, non era ancora pronta a tornare con lui; Queen fece anche la conoscenza di una giovane di nome Mia che accolse e che aiutò a diventare la nuova Speedy. A poco a poco, riprese il suo ruolo all'interno della comunità dei supereroi come difensore della città. La sua ultima battaglia contro il criminale Merlyn lo lasciò in pessime condizioni e gli fece capire che aveva bisogno di migliorare le proprie capacità atletiche e di combattimento. Così, insieme a Mia e a Connor, si ritirò su un'isola dove i tre si addestrarono sotto la supervisione dell'assassino Napas. Durante l'addestramento, Oliver si rese conto che la zona di Star City devastata da Merlyn si stava trasformando in un ghetto isolato da un muro: una situazione che non poteva assolutamente tollerare. Oliver si impossessò allora delle ricchezze che Napas aveva accumulato nel corso degli anni in modo non proprio lecito e le utilizzò per finanziare la campagna elettorale per divenire sindaco della sua città. Fare in modo che tutti i cittadini potessero vivere in condizioni dignitose, senza alcuna distinzione di ceto fu il suo obiettivo principale, una volta nominato primo cittadino di Star City.

Conclusasi la parentesi politica, Freccia Verde ha compiuto un passo che mai nessuno si sarebbe aspettato, chiedendo a Black Canary di sposarlo. Al matrimonio della coppia hanno partecipato tutti i supereroi della Terra... e anche un nutrito gruppo di criminali che hanno cercato di mandare a monte il felice evento. Mentre Ollie e Dinah si apprestavano a godersi la meritata luna di miele è successo qualcosa di impensabile: nell'intimità della loro camera da letto, Ollie ha attaccato la sposa e questa, per legittima difesa, lo ha ucciso. Poco dopo, la "vedova" ha scoperto che l'uomo con cui si era sposata non era in realtà il suo amato, ma un impostore. Il vero Ollie, infatti, si trovava su Isola Paradiso, prigioniero di una falsa Atena. Con l'aiuto di Mia e Connor, Black Canary riuscì a liberarlo. La nuova "famiglia Arrow" sembrava così destinata a vivere un lungo periodo di felicità, ma purtroppo per i nostri eroi, la tragedia incombeva su di loro. A seguito di uno scontro con la Lega degli Assassini, Connor è caduto in coma e, anche se è riuscito a risvegliarsi, il ragazzo non è più tornato a essere quello di prima.


Black Canary

All'inizio degli anni Quaranta, Dinah Drake cercò di entrare a far parte del Dipartimento di Polizia di Gotham City al quale apparteneva suo padre, da cui Dinah aveva ereditato la vocazione a servire la legge. Anche se non riuscì nel suo intento, la ragazza decise comunque di contrastare il crimine vestendo i panni della supereroina Black Canary. Mettendo a frutto gli insegnamenti del padre e le dure sessioni di allenamento a cui l'aveva sottoposta il genitore quando era ancora una bambina, Dinah si fece una certa fama e attirò l'attenzione della Società della Giustizia d'America, gruppo nel quale militò fino allo scioglimento della formazione (avvenuto nel 1952). A quel punto, Dinah si dedicò a suo marito, Larry Lance, con il quale fondò un'agenzia di investigazioni private, e a sua figlia, che si chiamava come lei. La relazione famigliare si deteriorò quando la JSA riprese le sue attività e Black Canary cominciò a passare sempre più tempo con il gruppo, trascurando così la sua famiglia.

Anche se era sempre circondata dai membri della JSA, che considerava alla stregua di "zii", la piccola Dinah Lance crebbe provando un certo senso di abbandono. Impressionata da quel mondo di supereroi, Dinah volle a tutti i costi seguire i passi della Black Canary originale, una scelta che la madre non vedeva di buon occhio. Nonostante le rimostranze, la giovane Dinah si allenò sotto la supervisione di Wildcat, uno dei tanti "zii" e, un tempo, campione di boxe. La nuova Black Canary divenne presto un'esperta lottatrice e scoprì di possedere un potere tutto nuovo (che sua madre non aveva): l'urlo sonico. Nei panni della seconda Black Canary, dedicò la sua vita a lottare contro il male, in solitario o insieme alla Lega della Giustizia d'America, gruppo di cui è membro fondatore. Tutto questo accadde poco dopo aver divorziato dal suo primo marito, Craig Windrow, con il quale si era sposata quando aveva appena 18 anni.

Black Canary ha sempre rappresentato una sorta di ponte tra due generazioni di supereroi, dato che conosceva tutti gli "uomini del mistero" in circolazione, tanto i veterani che le nuove leve, ed è divenuta un membro della Lega rispettato e onorato da tutti. Durante questa prima fase della sua carriera da supereroina, conobbe Oliver Queen, il suo grande amore, e visse anche uno dei peggiori momenti della sua vita quando Larry Lance morì per mano di un supercriminale. La madre di Dinah cercò in tutti i modi di convincere la figlia ad abbandonare la carriera di supereroe e il loro rapporto si rovinò. Da quel momento, madre e figlia non hanno più ricucito lo strappo e, sfortunatamente, la prima Black Canary è morta qualche anno dopo.

Poco dopo che la Lega acquisisse uno status internazionale, Dinah abbandonò il gruppo per trasferirsi a Seattle con Freccia Verde. Lì, la nostra eroina venne aggredita brutalmente da alcuni trafficanti di droga. Il trauma per quell'incidente la privò del suo grido ultrasonico e quello fu solo l'inizio del crollo psicofisico, culminato con la rottura con Oliver: stanca dei numerosi tradimenti del compagno, Dinah prese infine la difficile decisione di lasciarlo. La fine del rapporto la fece cadere in una profonda depressione dalla quale riuscì a risollevarsi solo grazie a Oracolo, colei che sarebbe diventata la sua migliore amica. Insieme, le due formarono il gruppo chiamato Birds of Prey: Dinah era l'"agente sul campo", mentre Barbara, la giovane paraplegica che un tempo aveva vestito i panni di Batgirl, la guidava a distanza per le strade di Gotham City.

Durante una delle sue avventure con Oracolo, Dinah si innamorò di Ra's al Ghul. La Testa del Demone acconsentì che Dinah si immergesse in una delle famose Fosse di Lazzaro e grazie a questa abluzione Black Canary recuperò il suo famoso grido. A quell'epoca, però, l'eroina si era ormai abituata a fare affidamento esclusivamente sulla sua destrezza nelle arti marziali e decise di ricorrere al grido sonico solo quando fosse stato necessario. Per migliorare le proprie doti in combattimento, Dinah si allenò perfino con Lady Shiva, un'assassina esperta in ogni tipo di arte marziale. Black Canary visitò il villaggio dove era cresciuta la sua precettrice, nel sudest asiatico, e proprio lì conobbe Sin, una bambina orfana che conquistò il cuore della nostra eroina. Dinah portò con sé la piccola negli Stati Uniti per divenire la madre che Sin non aveva mai avuto.

Per questo motivo Dinah lasciò le Birds of Prey anche se, poco dopo, le circostanze la obbligarono a ritornare in azione, divenendo il leader dell'attuale incarnazione della JLA. Avere una madre che rischiava la vita ogni giorno non era certo quello a cui Dinah pensava quando aveva preso la difficile discissione di crescere Sin. In poche parole, Dinah non voleva riservare a Sin un'infanzia triste e solitaria come quella che aveva vissuto lei. A complicare ulteriormente la situazione ci pensò Ollie, che sembrava aver messo definitivamente la testa a posto ed era pronto a chiedere legalmente la sua mano. Da allora, tra alti e bassi, quella formata da Dinah Lance e Oliver Queen è stata una delle coppie più stabili dell'Universo DC.


Poteri, abilità e armi

Freccia Verde non ha poteri sovraumani. La sua abilità principale è la destrezza nell'uso di arco e frecce e, in particolare, di "frecce truccate" che hanno ciascuna un diverso effetto: si va dalla freccia rete, a quella "guanto da boxe" fino ad arrivare alla freccia boomerang. In alcuni momenti della sua carriera, soprattutto quando si trovava a Seattle, ha utilizzato anche frecce "normali". Stando a quanto dice, è in grado di scagliarne più di 20 frecce al minuto.

All'epoca dei suoi esordi come supereroe, quando poteva contare ancora sulla sua fortuna economica, Freccia Verde (di solito accompagnato da Speedy) si muoveva per Star City con la Arrowcar o l'Arrowplane, un'auto e un aereo che ricordavano molto da vicino la Batmobile e il Batplano dell'Uomo Pipistrello. Le somiglianze tra Freccia Verde e Batman non finiscono qui, dato che l'Arciere di Smeraldo si ritirava, di tanto in tanto, in una base segreta dove custodiva i suoi mezzi: stiamo parlando della Arrowcave, una caverna situata sotto le fondamenta della villa di Oliver Queen.

Anche se Freccia Verde ha un'agilità superiore alla norma ed è un eccellente lottatore, non è niente a confronto a Black Canary. Dinah si allena da una vita intera ed è una vera esperta in ogni tipo di arte marziale, soprattutto dopo l'addestramento nel villaggio di Shiva. Quando è necessario, l'eroina ricorre anche al suo grido sonico, un potere metaumano che non possedeva sua madre (colei che ha vestito per prima i panni di Black Canary). Quando sprigiona appieno il suo potere, Dina è in grado di sgretolare oggetti solidi e, ovviamente, far diventare sordo qualsiasi essere umano.

Planeta DeAgostini: tutto quello che c' è da sapere su Freccia Verde e Black Canary - parte prima