Prosegue la testata Superman/Batman di Planeta DeAgostini

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Sicuramente, in questo 2010, vedremo altri episodi dei due eroi più famosi dell' universo del fumetto americano, Superman e Batman. I due supereroi sono protagonisti infatti di una serie di episodi dedicati esclusivamente a loro e raccolti nella testata Superman/Batman, pubblicata dalla casa editrice Planeta DeAgostini.

I mondi migliori

Superman/Batman è una delle serie più popolari attualmente pubblicate dalla DC. Questo si deve al fatto che i suoi protagonisti sono due dei personaggi più famosi dei comics e alla caratura dei suoi autori. Su queste pagine abbiamo visto sfilare scrittori e disegnatori di prima categoria quali Jeph Loeb, Ed McGuinness e Carlos Pacheco. A tutto questo bisogna aggiungere l'importanza basilare delle storie pubblicate, come quella della caduta di Lex Luthor e quella dell'arrivo di Kara Zor-El (Supergirl) sulla Terra. Consapevole del valore di questa serie, Planeta DeAgostini gli ha sempre riservato un trattamento speciale. Abbiamo avuto così una prima serie composta da sei numeri che ha concluso la gestione di Loeb sulla collana (pubblicati in un formato più grande rispetto a quello standard per poter ammirare meglio le spettacolari tavole). A questa si è recentemente aggiunto un volume con i primi sei episodi della serie originale, Superman/Batman: Nemici pubblici. Infine, a quella prima serie ha fatto seguito una seconda durata ben 22 episodi, con i testi di Mark Verheiden, Alan Burnett e della coppia Michael Green/Mike Johnson. Questi ultimi due ancora oggi continuano a scrivere le avventure dei Migliori del Mondo. Non a caso, il presente volume raccoglie i numeri dal 50 al 56 della serie originale (settembre 2008/aprile 2009).

Green arriva nel mondo dei comics dopo aver lavorato alla serie televisiva Smallville, a cui ha fatto seguito
Batman Confidential: Amanti & Pazzi. Scrive i primi tre episodi da solo, ma a partire dal numero 47 (maggio 2008) sale a bordo anche Johnson. Consapevole di non poter rispettare le scadenze, Green gli propone di occuparsi di Superman/Batman insieme a lui. Ovviamente Johnson accetta e comincia a figurare nei credits.

I loro primi sei episodi compongono lo story arc K, in cui Superman e Batman decidono di sbarazzarsi di tutta la kryptonite presente sulla Terra, una missione che li conduce da un capo all'altro del mondo e che li costringe a scontrarsi con molti nemici. Per alcuni versi è una delle migliori storie dell'intera collana. Oltre alla premessa, già di per sé interessante, quello che salta agli occhi è il dipanarsi della trama: nonostante la sua complessità, ogni capitolo può essere benissimo letto separatamente. Inoltre Green e Johnson rispettano l'idiosincrasia tipica di Superman/Batman, che consiste nel presentare molti personaggi calati in contesti inusuali. Non a caso, alcuni lettori la considerano una vera e propria serie silver age, epoca in cui vari autori non si facevano problemi a presentare storie veramente surreali. In questo caso la coppia di scrittori se l'è cavata abbastanza bene ed è il numero 46 (aprile 2008) quello che meglio li rappresenta: Superman s'imbatte in una kryptonite dai magici poteri che produce in lui il divertente effetto di farlo comportare come un bambino e di vedere i suoi compagni della Lega della Giustizia come piccoli monelli. Fate attenzione a questo dettaglio, perché non passerà molto tempo prima che ne capiate la sua reale importanza.

Green e Johnson si occupano anche di scrivere lo specialissimo numero 50, storia che contiene tutti gli ingredienti necessari che deve avere un numero d'anniversario che si rispetti. In primis vanta la presenza di una moltitudine di supereroi, dalla Lega della Giustizia ai Giovani Titani, oltre a quella dei vari nemici che già sono apparsi su questa collana. Ma il piatto forte di quest'albo è l'impossibile incontro tra il padre biologico di Superman e quello di Batman. Questo sorprendente artificio narrativo fa sì che per una volta i protagonisti della serie non siano i due eroi titolari, bensì i loro genitori. La cosa più sconcertante è che, anche se si tratta di un racconto immaginario, le conseguenze che ne scaturiranno saranno molto importanti per il futuro. Senza anticipare nulla per non rovinare il piacere della lettura, diciamo solo che il ruolo di Jor-El e Thomas Wayne influirà non poco sul destino dei loro figli. Infine, non possiamo non ricordare i disegnatori di questo grande evento, cominciando da Ethan Van Sciver e dalla sua spettacolare copertina, fino ad arrivare alle tavole di Ed Benes, Matthew Clark, Ian Churchill e Allan Goldman.

Anche i due successivi episodi non saranno da meno: questa volta Superman e Batman s'imbatteranno nelle loro versioni animate, che sembrano appena uscite da un episodio dei Looney Tunes. La trama si ricollega al già menzionato numero 46, questa volta concedendo più spazio a questi divertenti personaggi. La trovata strizza l'occhio ai comics classici, confermando per l'ennesima volta l'intenzione di Green e Johnson di fare di Superman/Batman una serie molto retrò, ma al passo con i tempi. Basta dare uno sguardo al passato per imbattersi in Batman #147 (maggio 1961) o in Action Comics #284 (gennaio 1962), due albi in cui sia l'Uomo Pipistrello che l'Uomo d'Acciaio ringiovaniscono fino a diventare ragazzini. C'è da dire che i nostri scrittori hanno goduto di molta libertà creativa. Infine si segnala che la serie si mantiene ai margini degli avvenimenti che hanno luogo nel resto dell'Universo DC. Grazie a questo, mentre su
Crisi Finale assistiamo al terribile destino di Bruce Wayne, su Superman/Batman continuiamo a seguire le sue avventure. Questo non significa che le storie non siano in continuity, ma che accadono in un momento differente da quello attuale.

Infine non possiamo non parlare del disegnatore. Si tratta di Rafael Albuquerque, artista conosciuto principalmente per il suo lavoro visto in
Universo DC: Blue Beetle e del quale tornerete a sentire parlare con Strange Adventures e ovviamente con Superman/Batman. Non a caso il suo lavoro sui numeri 51 e 52 della serie originale è stato così convincente che la DC ha deciso di affidargli la serie in maniera regolare. Ma prima di godere appieno dell'arte di Albuquerque ci sono alcuni episodi disegnati da altri artisti, come Rags Morales che si è occupato dei numeri dal 53 al 56. Questi formano lo story arc intitolato Super/Bat, in cui i poteri di Superman saranno trasferiti al suo compagno di mille avventure. È una situazione inedita perché anche se Clark Kent ha perso già in altre occasioni i suoi incredibili poteri, questi non sono mai stati trasferiti a Batman. Cosa ne farà l'Uomo Pipistrello e come influenzeranno la sua personalità sono le basi da cui partiranno Green e Johnson per scrivere ancora una volta una storia avvincente.

Con
questo speciale Planeta DeAgostini torna a pubblicare Superman/Batman. Un volume pieno di azione e di tensione, ma soprattutto di immaginazione senza limiti. Sono le avventure senza grandi pretese quelle che alla fine sorprendono, riuscendo a catturare anche il lettore più scettico.

Prosegue la testata Superman/Batman di Planeta DeAgostini