di

Re: Zero 2, la nuova stagione dell' anime tratto dalla serie di romanzi di Tappei Nagatsuki, ci ha abituato a morti traumatiche e interi episodi di pura sofferenza, ma gli avvenimenti mostrati nell'episodio 8 hanno superato ogni aspettativa, mettendo in scena una delle uccisioni più cruente di tutti i tempi.

Nel corso della puntata in questione, Subaru decide di lasciare Emilia da sola e di viaggiare verso la tenuta di Rooswal per salvare Petra, Beatrice e Frederica dall'attacco dell'assassina Elsa. Il protagonista decide di raggiungere la tenuta utilizzando il drago di terra Patrasche, ma poco prima della partenza viene bloccato da Garfiel.

Garfiel attacca Rem, Otto e Subaru, uccidendo i primi due e la loro cavalcatura. Subaru viene salvato da morte certa e si ritrova, tempo dopo, all'interno di una prigione. All'esterno ha iniziato a nevicare, e proprio durante il suo ritorno al villaggio, Subaru si imbatte in alcuni coniglietti che dopo pochi istanti iniziano a divorarlo vivo e ad inserirsi all'interno del suo corpo, in quella che è probabilmente la scena più cruenta dell'intera serie.

Nagatsuki ha rivelato, tramite un post Twitter, che l'ispirazione arriva dal film del 1997 Il mondo perduto - Jurassic Park di Steven Spielberg: "L'ispirazione arriva da una scena che mi terrorizzò da bambino. Nel secondo film di Jurassic Park, un uomo si separa dai propri alleati e viene attaccato da un minuscolo raptor. Successivamente, centinaia di esseri simili iniziano a saltargli addosso e lo divorano. Se non fosse stato per quel film, non avreste mai visto questa scena!".

E voi cosa ne pensate? Vi sta piacendo Re: Zero 2? Fatecelo sapere con un commento! Nel caso in cui voleste saperne di più sulla stagione corrente invece, vi consigliamo di dare un'occhiata all'ultima intervista concessa dal doppiatore di Subaru, Yuusuke Kobayashi.

Quanto è interessante?
2