Resident Evil: Infinite Darkness, come si collega alla saga di videogiochi?

Resident Evil: Infinite Darkness, come si collega alla saga di videogiochi?
di

Uno degli anime più attesi dell'ultimo periodo è stato Resident Evil: Infinite Darkness, serie animata in computer grafica nata dalla collaborazione tra Netflix e Capcom. Scopriamo in che modo la nuova avventura di Leon e Claire si colloca nella saga videoludica.

Resident Evil: Infinite Darkness è un'opera che rispetta il canone del videogioco survival-horror Capcom e che dunque rispetta e fa pienamente parte della linea temporale ufficiale. I protagonisti dell'anime in CGI sono Leon S. Kennedy e Claire Redifield, due pilastri del franchise che tornano per un'avventura inedita.

L'anime Netflix è ambientato nel 2006, collocandosi tra gli eventi accaduti in Resident Evil 4 (2005) e Resident Evil 5 (2009). In seguito alla missione di salvataggio di Ashley Graham, Leon è divenuto un celebre agente federale, spalla destra del presidente degli Stati Uniti. Sebbene la ragazza non sia presente nel corso dei quattro episodi della serie, viene chiarito che il presidente degli Stati Uniti è ancora suo padre. Sulla scrivania presidenziale è infatti possibile notare una foto di Ashley. Infinite Darkness, inoltre, segna il primo incontro tra Leon e Claire dagli eventi di Resident Evil: Degeneration, film ambientato nel 2005.

Il collegamento con Resident Evil 5 lo ha si ha invece attraverso le macchinazioni del segretario della difesa, Wilson. I suoi esperimenti, infatti, implicitamente culmineranno con l'incidente in Africa, luogo in cui si svolge il quinto capitolo ufficiale. Dunque, la serie presente sul catalogo del colosso dello streaming prepara agli eventi che porteranno all'avventura africana di Chris Redfield.

E voi avete notato altri collegamenti con la saga di videogiochi? Nel frattempo, il regista di Resident Evil: Infinite Darkness ha parlato di un ipotetico sequel. L'orrore è arrivato su Netflix, ecco la nostra recensione di Resident Evil: Infinite Darkness.

FONTE: CBR
Quanto è interessante?
1