Russia, niente ban totale per gli anime: la Corte fa un passo indietro

Russia, niente ban totale per gli anime: la Corte fa un passo indietro
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Lo scorso 20 gennaio, la Corte russa aveva annunciato il ban per alcune serie anime di fama internazionale, su richiesta di alcune importanti istituzioni per la tutela dei minori. Oggi, dopo circa un mese di discussione, è stato deciso che serie come Tokyo Ghoul, Elfen Lied e Death Note non saranno censurate ne bannate in via definitiva, almeno per il momento.

Secondo quanto riportato dalla testata russa Kommersant, le serie in questione saranno eliminate con effetto immediato solo in una manciata di siti streaming, anziché nei cinquanta indicati dall'accusa lo scorso 20 gennaio. La giuria rimane estremamente critica sui contenuti degli anime in questione, ma il ban per i siti in questione è legato alla mancanza di un sistema di controllo dell'età e di tutti gli avvertimenti obbligatori per legge.

La Corte del distretto Kolpinskij ha anche affermato di aver ricevuto richieste di analisi per quanto riguarda Naruto, Interspecies Reviewers, Aki Sora e Terror in Resonance, altri anime ritenuti eccessivamente violenti o ambigui per un pubblico di minori.

Le richieste saranno analizzate nei prossimi mesi. Kommerant riporta anche che il "Roskomnadzor", ovvero il servizio federale russo per la supervisione nella sfera della connessione e comunicazione di massa, può decidere di bannare le serie da qualsiasi altro sito web in qualunque momento, quindi è sempre possibile che in futuro gli anime in questione vengano cancellati.

FONTE: kommersant
Quanto è interessante?
2