Scopriamo i motivi che portarono alla creazione di Dragon Ball GT

di
INFORMAZIONI SCHEDA
Dal momento che Dragon Ball GT è stata la prima ed unica serie del brand a non aver coinvolto Akira Toriyama, il creatore del longevo franchise, molti fan si sono domandati, negli anni, come abbia fatto il progetto ad ottenere l’approvazione di Toei Animation e Shonen Jump.

Attraverso la recente traduzione di una vecchia intervista inclusa nel cosiddetto “Dragon Box” del 2005, apprendiamo che il produttore Kozo Morishiata, già al tempo, rivelò che la serie era stata concepita solo per continuare a cavalcare la popolarità raggiunta da Dragon Ball Z.

Sebbene il manga originale si fosse concluso, lo staff e la rete televisiva non ritenevano che fosse giunta la fine per la serie, e addirittura gli sponsor desideravano che il franchise continuasse a occupare il fortunato slot gli aveva conferito una popolarità senza eguali.

Morishita e gli altri, di conseguenza, comunicarono le proprie intenzioni a Toriyama e al dipartimento editoriale di Weekly Shonen Jump, e dopo una serie di incontri, ebbero il permesso di lavorare ad un progetto originale che fosse separato dal manga del sensei.

Concepito per sfruttare il successo della serie precedente, Dragon Ball GT venne approvato perché cercava di differenziarsi da Dragon Ball Z e dal lavoro originale di Akira Toriyama, ma proprio la sua assenza è una delle ragioni per cui i fan, a distanza di tanti anni, continuano ancora a screditare il progetto non più canonico.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
5