Shonen Jump: quella volta che la rivista insultò i fan dei manga

Shonen Jump: quella volta che la rivista insultò i fan dei manga
di

Gestire un profilo con centinaia di migliaia di seguaci e fan assetati di manga è tutto fuorché semplice, soprattutto per la gestione di Shonen Jump. Dozzine di appassionati che, quotidianamente, inondano i canali dell'azienda con commenti raccapriccianti e violenti nei riguardi di determinate opere. Ma cosa accade quando la pazienza finisce?

Weekly Shonen Jump sta attraversando un periodo di rinnovamento alla ricerca di nuove bandiere che possano incrementare le vendite e la popolarità del magazine, soprattutto in una generazione scarna di titoli fortemente apprezzati dal pubblico. Non è un caso, infatti, che lo scorso settembre il profilo ufficiale della compagnia abbia eliminato i freni inibitori per scagliarsi contro quella fetta di fan aggressivi nei riguardi della rivista e dei manga serializzati al suo interno:

"Non so cosa sia peggio tra i piccoli fan arrabbiati che descrivono ogni cosa come "spazzatura" e "trash" o gli abitanti di internet che si divertono a scrivere "mediocre" ovunque. Odiare le cose popolari non vi rendono persone più intelligenti. Cerchiamo di essere un pochino più positivi. Onegaiii (Per favore)!"

Un commento veritiero che tra l'altro potere rintracciare tra gli allegati. Una presa di posizione, probabilmente da parte di un singolo membro dello staff, contro quella fetta di appassionati sempre pronta a giudicare negativamente. Prima di salutarvi, vi ricordiamo che recentemente gli ultimi dati di Weekly Shonen Jump hanno confermato un nuovo trend di pubblico.

Quanto è interessante?
1