di

Oggi le emittenti televisive si lanciano poco nel settore degli anime, ormai conquistato dallo streaming. Sono pochi gli annunciati in Italia come il recente Fire Force. Ma negli anni '90 gli anime su Mediaset erano all'ordine del giorno. Su Italia 1 erano diversi i cartoni animati in onda, come Lupin III e Holly e Benji.

Entrambi in Italia hanno delle sigle uniche e riconoscibili. In particolare quella de L'Incorreggibile Lupin III, ovvero la serie con la giacca rosa, di Ninni Carucci ed Enzo Draghi che partiva con un "Oh ah oh ah oh" ripetuto mentre la scena si soffermava sui grattacieli di una città. Poi continuava con una melodia mentre Enzo Draghi cantava il testo.

Se andassimo in Spagna e chiedessimo a qualcuno che ha vissuto il momento d'oro degli anni '90 e 2000 in TV di ascoltare la sigla di Lupin III, alle prime battute di quella canzone vi risponderebbe che è la sigla di Holly e Benji - o meglio Oliver y Benji. Come potete ascoltare anche dal video presente nella notizia, in effetti la base sonora è identica, ma come mai?

Il tutto risale sempre a quegli anni, quando Fininvest decise di comprare alcune emittenti estere tra Spagna, Francia e Germania. Su quella spagnola, Telecinco, furono trasmessi svariati anime, proponendo anche lì sigle preparate appositamente per il pubblico spagnolo. Solo che la scelta fu di usare melodie già composte per la TV italiana, cambiando esclusivamente il testo.

Quello di Lupin III e di Holly e Benji non è un caso unico: anche in Francia per Holly e Benji (conosciuto oltralpe come Olive et Tom) la base utilizzata è quella della sigla di Lupin III, mentre di nuovo su Telecinco sono andati in onda tanti altri anime che hanno usato come sigla la base di altri anime italiani. Un esempio è la canzone di Lady Oscar usata per Georgie (Los Tres Hermanos).
Intanto in Italia è tornato Holly e Benji con la nuova serie, ancora una volta sui canali Mediaset.

Quanto è interessante?
2