Spider-Man: il primo numero del fumetto di J.J. Abrams è a dir poco traumatizzante

Spider-Man: il primo numero del fumetto di J.J. Abrams è a dir poco traumatizzante
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Quando lo scorso 20 giugno Marvel Comics annunciò l'uscita di un nuovo fumetto dedicato Spider-Man, la fan base dell'uomo ragno si disse più che felice di poter mettere le mani su una storia completamente nuova. Il lavoro di Henry e J.J. Abrams però, ha messo in scena nella prima uscita uno dei momenti più traumatizzanti dell'intera saga.

Partendo dal presupposto che lo stesso autore rivelò, durante una recente intervista, che il fumetto sarebbe stato "sconvolgente ed emozionante" sembra comunque incredibile trovarsi di fronte ad un inizio così aggressivo e macabro.

Nel corso del primo capitolo del fumetto disegnato da Sara Pichelli, Peter Parker si scontra con un nuovo formidabile villain: Cadaverous. Durante la battaglia, di cui non viene mostrato l'inizio, Peter perde l'uso del braccio destro e si ritrova impotente di fronte al nemico. Poco dopo, Cadaverous uccide Mary Jane impalandola con uno dei suoi artigli e abbandona la scena.

Con un time-jump il fumetto introduce il vero protagonista della storia: Ben Parker, figlio di Peter e Mary Jane. Dopo aver scoperto di possedere gli stessi poteri del padre - ormai depresso e costretto a vivere con un solo braccio - Ben diventa il nuovo Spider-Man e si prepara a scoprire tutte le potenzialità delle nuove abilità acquisite.

E voi cosa ne pensate? Vi ha scioccato questo primo capitolo? Fateci sapere la vostra opinione lasciando un commento nel riquadro sottostante!

Quanto è interessante?
7