The Dark Knight Returns: The Golden Child, Frank Miller racconta l'opera in un'intervista

The Dark Knight Returns: The Golden Child, Frank Miller racconta l'opera in un'intervista
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Sarà sempre Batman vs Superman per Frank Miller, il geniale fumettista in carica della realizzazione di The Dark Knight Returns: The Golden Child, il nuovo comics di casa DC in arrivo il prossimo 11 dicembre. L'artista ha parlato del suo nuovo lavoro ai microfoni di Comicbook, rivelando qualche importante dettaglio e sciogliendo alcuni dubbi.

Vi ricordiamo che The Golden Child sarà un sequel de Il Cavaliere Oscuro: Razza Suprema dello stesso Miller e che seguirà principalmente le avventure del giovane Jonathan Kent, il figlio di Superman e Wonder Woman. Di seguito potete leggere l'intervista del sito statunitense tradotta in italiano, ma vi ricordiamo che potete sempre attingere alla fonte originale cliccando sopra il link reperibile in calce.

Miller ha iniziato parlando in linea generale del suo progetto, dichiarando: "Jonathan è maturato molto da Razza Suprema e questa è una notizia importante anche per Lara (ndr. seconda figlia di Superman), che passa dall'essere un punto di riferimento dotato di poteri incredibili a diventare la sorella di un ragazzino che possiede tutta la saggezza di Krypton. In Il ritorno del Cavaliere Oscuro abbiamo Carrie, in Razza Suprema Lara e ora Jonathan".

L'autore poi ha parlato del rapporto tra la "figlia" di Batman Carrie Kelley e il giovane Jonathan Kent, ammettendo di voler esplorare nuovamente il confronto tra Batman e Superman con una nuova chiave generazionale: "Parte di quello che vorrei fare - e lo ammetto, mi diverte l'idea - è il riportare in gioco il turbolento rapporto tra Batman e Superman", spiega Miller. "In questa situazione le cose sono differenti però. Carrie è molto saggia e sta lavorando con un ragazzino piuttosto giovane, qualcuno che sta ancora scoprendo come funziona il mondo. Lei si comporta un po' come una sorella maggiore.. ma sa di avere tra le mani una patata bollente".

Lo scritto ha poi concluso parlando dei suoi progetti futuri: "Ci sono tanti eroi che vorrei rivisitare.. Atomo ad esempio, ha grande potenzialità secondo me. Non posso dire esattamente cosa vorrei fare perché non vorrei lanciare idee in giro, ma l'interesse c'è. Sono stato felicissimo di lavorare su The Golden Child comunque. Il Cavaliere Oscuro è sempre stato un fumetto incentrato su Batman e sui suoi problemi con l'età, di cui spesso egli stesso si lamentava. Qui invece portiamo le cose ad un livello successivo, ad una nuova generazione".

E voi cosa ne pensate? Siete interessati a questo nuovo comics? Fatecelo sapere lasciando un commento nel riquadro sottostante!

FONTE: comicbook
Quanto è interessante?
3