The Seven Deadly Sins: il capitolo 320 mostra la disperazione dei fratelli

The Seven Deadly Sins: il capitolo 320 mostra la disperazione dei fratelli
di

La battaglia tra Meliodas e il Re dei Demoni, cominciata nel capitolo 313 di The Seven Deadly Sins, ha raggiunto un nuovo ulteriore livello. Infatti Zeldris ha praticamente ceduto il proprio corpo a suo padre, che finalmente è riuscito a impossessarsene per ottenere una nuova forza con cui sconfiggere il suo avversario Meliodas.

Dopo gli ultimi eventi del capitolo 319 di The Seven Deadly Sins, Nakaba Suzuki ci mostra la nuova forma del Re dei Demoni: una figura alta e ammantata di nero, con una katana sul fianco, capelli neri e un pizzetto di barba lungo. Il Re dei Demoni rivela quindi di apprezzare il sacrificio di Zeldris, e grazie a ciò ha ottenuto il suo potere originale e la sua gioventù.

Meliodas però dice di riuscire ancora a percepire il suo fratellino e inizia a fare uso dei suoi poteri demoniaci per salvarlo. Lo scontro riprende ad armi pari. Entrambi i contendenti riescono a far valere i loro attacchi, ma è palese che Meliodas non riuscirà a sconfiggere suo padre da solo. Proprio mentre le speranze di riuscire a vincere diventano vane, dal cielo piovono alcuni lampi di luce diretti verso il Re dei Demoni.

A tutta velocità, i cinque membri dei The Seven Deadly Sins che stavano lottando con l'Indura arrivano sul lago, lasciando sconvolto Meliodas che non voleva mettere nuovamente in pericolo i suoi amici. Ora il gruppo combatterà tutto insieme per poter salvare il mondo e Zeldris. Il capitolo 321 di The Seven Deadly Sins si intitolerà "Luce".

Quanto è interessante?
2