Tumblr vieta le parole "Anime Girl" a causa di Apple

Tumblr vieta le parole 'Anime Girl' a causa di Apple
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il social network Tumblr era una volta una terra di espressione senza filtri: un lussureggiante giardino comunitario dove i creativi in erba di tutti i campi, in particolare anime e manga, potevano condividere il loro lavoro, scambiare opinioni o semplicemente ridere di immagini divertenti mentre navigavano per il web.

Tuttavia, a causa di una serie di divieti bruschi e poco pubblicizzati, i contenuti stanno calando, e gli utenti di Tumblr sono lasciati confusi da una costante mancanza di comunicazioni preventive. Il primo notevole "ban" è stato indicato il 17 dicembre 2018, quando Tumblr ha implementato la sua famigerata epurazione di contenuti per adulti.

La ragione iniziale del divieto era legittima e necessaria: Apple aveva trovato contenuti sul sito web che coinvolgevano abusi sessuali su minori, e rimosso Tumblr dall'App Store per un mese. Tumblr è stato riammesso sull'App Store solo dopo che tutti i contenuti dannosi sono stati rimossi e il divieto di contenuti per adulti è stato annunciato.

È stato uno shock per molti, perché Tumblr era uno dei pochi siti dove potevano esistere artisti che si occupavano di sesso, nudità e corpo. Ma con una semplice mossa, Tumblr ha bloccato, segnalato e sradicato innumerevoli comunità NSFW che una volta trovavano rifugio nel sito.

Ora, a distanza di qualche anno, Tumblr sta introducendo un altro divieto a causa di Apple. Questa volta, sta prendendo di mira alcuni tag bizzarri nei post per "rimanere disponibile sull'App Store di Apple". Un account Tumblr chiamato "bannedtags" è rapidamente nato per raccogliere tutte le nuove parole bannate, ed è una lista davvero stravagante.

Ecco uno sguardo ad alcuni dei termini vietati, che possono portare un blog a essere segnalato o completamente shadowbannato (cioè poter ancora postare, ma non può essere trovato dalle ricerche degli utenti): ACAB (All Cops Are Bastards), selfie, bald (calvo), transfobia, 420 (relativo all'uso di marijuana), me, girl (ragazza), about (circa), disforia, Eugene Levy (un attore di American Pie), trauma, razzismo.

Troviamo anche alcune parole legate all'industria dei manga e degli anime (compresi i feticismi diffusi in questo medium), come anime girl, armpits (ascelle), belly (pancia), boyslove (amore omosessuale tra uomini), MILF e DILF, feet (piedi), high heels (tacchi alti) e lolita, tra le molte altre disponibili in questo documento.

Tumblr ha rilasciato un comunicato ufficiale il giorno dei divieti (ma non ha dato alcun preavviso), e ha spiegato che le ricerche, i blog e le preferenze saranno colpiti da questa nuova misura. Hanno anche dichiarato di non avere una finestra temporale per questo, e questa ambiguità sta angosciando alcuni utenti di Tumblr.

Tumblr non è l'unica realtà al centro di polemiche nel panorama di anime e manga, le principali case editrici di manga stanno intentando una causa contro Cloudflare mentre continua anche la battaglia tra studi d'animazione e content creator a tema anime.

FONTE: mashable
Quanto è interessante?
4