Vigilante My Hero Academia: la pesante eredità sulle spalle di Crawler

Vigilante My Hero Academia: la pesante eredità sulle spalle di Crawler
di

La lotta selvaggia tra The Crawler e Number 6 ha preso una brutta piega per il nostro Vigilante. L’antagonista si è potenziato ulteriormente, e con la sua devastante potenza ha provato a mettere fine allo scontro. In fin di vita, Vigilante My Hero Academia Koichi Himawari viene salvato dall’eredità del suo maestro.

La cittadina di Naruhata è stata sconvolta dal violento debutto della Forma Distruttiva di Number 6, che con pochi colpi ha devastato The Crawler. Il giovane vigilante che si ispira ad All Might si trova in fin di vita, i suoi arti sono ormai fuori uso e non riesce nemmeno più a scappare. Per lui, che in Vigilante ha persino affrontato un cameo degli Avengers, sembra giunto il game over.

In sogno, però, gli compare il suo maestro, Knuckleduster, che in precedenza era tornato per dare il suo contributo nella battaglia. Attraverso i consigli del maestro, Koichi intuisce che sfruttando il potere del suo Quirk, può continuare a muoversi senza provare dolori lancinanti. Ma non solo, quando Number 6 sta per sferrare il suo attacco finale, Crawler sfodera il Knuckle Style, il pugno di Knuckleduster.

Se da una parte vediamo il Quirk di Koichi in costante evoluzione, dall’altra vediamo una sentenza per il vecchio Vigilante. Lo spirito di Knuckleduster ha dato il suo contributo fondamentale al protagonista, ma il suo corpo fisico sembra essere ormai morto. Difatti, lo vediamo accasciato sul tetto su cui aveva sfidato il Villain, senza reagire ad alcuno stimolo. Se Knuckleduster sia realmente morto o meno, ancora non ci è dato saperlo.

Quanto è interessante?
1