Volete creare un personaggio cattivo? Hirohiko Araki ci parla delle sue ispirazioni

Volete creare un personaggio cattivo? Hirohiko Araki ci parla delle sue ispirazioni
di

Nella serie Le Bizzarre Avventure di JoJo non mancano i cattivi carismatici e affascinanti che catturano l'attenzione dei fan. Il creatore del manga, Hirohiko Araki, in un' intervista ci spiega le sue ispirazioni per la caratterizzazione di un buon cattivo.

Intervistato dalla rivista giapponese Kotoba, Araki ha spiegato che il personaggio di Dio Brando, il cattivo per eccellenza della serie, doveva incarnare una sorta di "maledizione" che doveva perseguitare nel corso degli anni la famiglia Joestar. La peculiarità di Dio era proprio quella di ritornare anche dopo sconfitto per minacciare gli eredi dei Joestar, come appunto si vede nel fumetto. Araki confessa che il potere più pericoloso di Dio non è quello di controllare lo scorrere del tempo, ma proprio questa sua capacità di rappresentare il male. Nell'intervista ha poi cercato di dare un significato al termine "malvagio". Secondo l'autore, i lettori si sentono attratti dal male perchè nella storia i cattivi hanno spesso ruoli misteriosi, proprio perchè le loro azioni in un primo momento sembrano indecifrabili.

Tra i film che ha apprezzato e che lo hanno ispirato, Araki cita il film "Il Silenzio degli Innocenti" e la serie manga Ushijima the Loan che presneta un galleria di malvagi carismatici. Il mangaka dice anche di aver apprezzato molto il film Joker di Todd Philips per come sia riuscito a descrivere un cattivo figlio dei nostri tempi. Ha anche espresso la sua stima per i lavori di Sir Arthur Conan Doyle, autore di Sherlock Holmes, sua grande fonte di ispirazione. Se siete fan dei lavori di Hirohiko Araki, oppure non avete mai letto niente di suo, sappiate che su Netflix sono disponibili le prime due serie di Le Bizzarre Avventure di JoJo. Vi lasciamo con questo bizzarro crossover tra Mob Pyscho 100 e JoJo.

Quanto è interessante?
1