Weekly Shonen Jump vince un'altra causa: condannato un enorme sito cinese di scan

Weekly Shonen Jump vince un'altra causa: condannato un enorme sito cinese di scan
di

La piaga della pirateria è da ormai una spina nel fianco per il mondo dei manga. Le riviste al centro della diffusione illegale di scan sono quelle più famose, in particolare Weekly Shonen Jump, che ha tra i titoli più letti nel globo ONE PIECE, My Hero Academia, Black Clover, Demon Slayer e tanti altri.

Negli scorsi mesi però il vento sembra essere cambiato. Dopo la chiusura di siti importanti come quello di MangaStream, arriva un altro colpo messo a segno da Shueisha per proteggere le proprietà intellettuali in suo possesso. La casa editrice di Weekly Shonen Jump ha infatti annunciato che la Corte Popolare di Shanghai Xuhui ha deliberato in merito al caso Ishuhui.

Il sito cinese e il suo amministratore sono stati giudicati colpevoli di upload di manga illegale con una pena di tre anni di prigione. La pena è stata però sospesa e sarà presa in considerazione soltanto se l'amministratore compirà altri illeciti nei prossimi tre anni. Inoltre è stata comminata una multa di 80.000 yuan, circa 10000 euro.

La Shueisha però non si ferma qui e sta infatti cercando di ottenere il risarcimento di altri danni in una causa civile. L'amministratore ha ammesso le sue colpe e ha concordato di pagare i danni alla casa di Weekly Shonen Jump. Chissà se questo porterà altri utenti alle piattaforme ufficiali come MangaPlus.

Quanto è interessante?
1