Yu-Gi-Oh: le dieci carte mostro più iconiche della prima serie animata

Yu-Gi-Oh: le dieci carte mostro più iconiche della prima serie animata
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il brand di Yu-Gi-Oh! va avanti da metà degli anni '90, dapprima grazie al genio del mangaka Kazuki Takahashi e poi per l'intuizione commerciale di Konami che ancora oggi produce il famoso gioco di carte. Al momento siamo arrivati alla terza serie animata, intitolata Yu-Gi-Oh! SEVENS e con regole nuove.

Tuttavia quella che rimarrà storica e impressa nella mente dei fan è la prima, quella originale e basata sul manga di Takahashi che fu pubblicato per tanti anni su Weekly Shonen Jump. Sicuramente molto del motore del primo anime di Yu-Gi-Oh! era dovuto ai personaggi, ma anche alle meccaniche più semplici che includevano delle carte mostro diventate iconiche. Andiamo alla scoperta dei dieci mostri più iconici di Yu-Gi-Oh.

  • Il primo è il Mago Nero, carta che porta la firma di Yugi Muto. È una carta storica e che ha salvato spesso il protagonista dai guai e la sua popolarità è stata tale da far nascere diverse varianti, come la Giovane Maga Nera.
  • Rimaniamo tra le carte del protagonista con Exodia il Proibito. Pur essendo composto da un gruppo di cinque carte, la sua vera potenza si sprigiona quando sono tutte insieme nella mano. In realtà nell'anime è apparsa pochissimo ma fu il mostro che provocò la disfatta di Seto Kaiba nel primo duello.
  • E passiamo proprio al presidente della Kaiba Corporation con il Drago Bianco Occhi Blu, una carta a dir poco leggendaria e che nell'anime è posseduta praticamente solo da Seto.
  • Con un concept simile, c'è il Drago Nero Occhi Rossi. Questa carta è diventata una delle più forti del deck di Joey Wheeler, ma in origine apparteneva a Rex Raptor.
  • Un'altra carta vinta da Joey dopo un duello è Jinzo, un potente mostro a sei stelle che il coprotagonista di Yu-Gi-Oh! vinse in uno dei suoi primi scontri alla Città del Duello, contro Espa Roba.
  • Ora aumentiamo di livello passando a tre carte mitiche e presenti solo nell'anime per ovvi motivi. Stiamo parlando delle Tre Divinità Egizie, che rispondono ai nomi di Obelisco del Tiranno, Slyfer Drago del Cielo e Drago Alato di Ra. Tre carte la cui potenza è assurda e utilizzabile solo grazie alle meccaniche dei duelli di Yugi e soci.
  • Infine terminiamo con altre due carte: la prima è Teschio Evocato, uno dei mostri più famosi del mazzo di Yugi. La sua potenza in attacco è alta ma è poco resistente in difesa. Tuttavia è stato spesso usato anche in fusione con altre carte.
  • L'ultima carta del mazzo di Yugi è Kuriboh, un mostro dall'apparenza innocuo e debole ma che forniva diversi effetti particolari e che lavorava bene in sinergia con altre carte.

Qual è la vostra carta preferita del primo anime di Yu-Gi-Oh? Ripercorrete l'anime anche grazie alla voce di Yugi in Italia, quella di Massimo di Benedetto.

Quanto è interessante?
3